EFFICACIA della FISIOTERAPIA per la CEFALEA TENSIVA

23.06.2014 23:12

 

TRADUZIONE SINTETICA dello studio : La Cefalea Tensiva (TTH) è la forma di mal di testa più diffusa (47% di tutti i mal di testa)  ed una delle 10 problematiche maggiormente lamentate dai pazienti negli studi di medicina di base. Ha l’impatto socio economico più grande tra tutti i mal di testa. E’ una cefalea primaria la cui causa resta sconosciuta. Questo studio prospettico, multicentrico, randomizzato con valutazione “in cieco” degli outcome, (cioè misura degli esiti) è il primo ad investigare gli effetti di un programma di training cranio-cervicale  (CTP) in pazienti con TTH.

Sono stati reclutati 81 pazienti randomizzati in 2 gruppi: 42 in quello di controllo (solo fisioterapia) e 38 quello sperimentale (fisioterapia + programma di training cranio-cervicale CTP). La randomizzazione è iniziata nel Dicembre 2003, il reclutamento concluso nell’Aprile 2005, ed il follow up continuato fino a Ottobre 2005. I criteri di inclusione dei pazienti hanno seguito gli standard di classificazione IHS (International Headache Society) per la Cefalea Tensiva Episodica e Cronica ( www.riccardorosa.it/classifica-cefalee-/ ) Sono stati esclusi tutti coloro che presentavano altre forme di Cefalea associate secondo la classificazione ICHD-II o avevano ricevuto trattamenti fisioterapici nei precedenti 6 mesi.

L’intervento fisioterapico prevedeva: 1) tecniche di massaggio convenzionale occidentale (“effleurage”- stroking techniques; “petrissage” – kneading;  “fiction” – deep pressure) le cui modalità ed intensità erano stabilite dal fisioterapista; 2) tecniche di oscillazione articolare (mobilizzazioni passive bassa velocità secondo Maitland). Queste 2 tecniche erano finalizzate a ridurre il dolore e le tensioni muscolari. La terza tecnica utilizzata era la correzione posturale. Il fisioterapista istruiva il paziente su come assumere da seduto una posizione migliore (retrazione cervicale, estensione cervico-toracica, retrazione delle scapole, estensione toracica e lordosi lombare neutra).

Il programma di training cranio-cervicale prevedeva invece esercizi di endurance a basso carico al fine di allenare e/o recuperare il controllo neuro-muscolare cervico-scapolare e cranio-cervicale. L’esercizio è stato così strutturato: paziente seduto in posizione corretta, una banda elastica (thera-band) di 150 cm , resistenza Blu, fissata in orizzontale. Il paziente eseguiva in modo controllato un movimento di flessione/retrazione , variando range di movimento e le velocità, ed usando contrazioni isometriche in varie posizioni. Il training non superava i 15 minuti. Il paziente veniva istruito a praticare gli esercizi 2 volte al giorno per 10 minuti, tenendo un diario su cui annotare cambiamenti della frequenza, intensità, durata e assunzione farmaci. A fine trial, i pazienti venivano istruiti a proseguire gli esercizi minimo 2 volte a settimana. Sono stati coinvolti  Fisioterapisti di 7 centri riabilitativi differenti, tutti  con 20 anni di esperienza clinica ed  esplicitamente allenati al protocollo sperimentale.

Le scale di misura degli outcome utilizzate sono state: NRS Numeric Rating Scale per il dolore; SF-36 Short Form General Health Survey per valutare la qualità della vita in correlazione allo stato di salute; MHLC Multidimensional Headache Locus of Control per determinare se le convinzioni del paziente riguardo la capacità di controllare un episodio di cefalea fossero influenzate dagli interventi. Il gruppo sperimentale ha dimostrato rispetto al gruppo di controllo, una riduzione significativa della frequenza, intensità e durata della cefalea.

In particolare, il gruppo sperimentale ha riportato: una riduzione della frequenza della cefalea pari >50% (l’82% e 85% dei partecipanti di tale gruppo, rispettivamente all’end point e al follow up , con il 48% di loro che ha riportato il 100% di riduzione al follow up); una riduzione dell’ assunzione di medicine (40% di riduzione entrambi i gruppi all’end point; 65% di riduzione solo il gruppo sperimentale al follow up).  L’Headache Locus of Control non è stato influenzato dagli effetti del trattamento per cui non può essere considerato un fattore predittivo di alcun outcome.

Le conclusioni dello studio sono state che la fisioterapia associata ad un programma di training cranio-cervicale è efficace nella gestione terapeutica di pazienti con Cefalea Tensiva Episodica (=Frequente) o Cronica nel breve e lungo periodo.

 

www.fisiobrain.com/web/2014/efficacia-di-un-training-craniocervicale-nella-cefalea-tensiva